peter

Pietro Morea nasce a Bologna il 6 luglio 1977, dopo una bellissima infanzia passata con le costruzioni, la scuola di nuoto, le machinine e le prove di verticali contro la porta di casa decide nella sua adolescenza di seguire il mondo del nuoto, scoprendo un interesse smisurato per la promozione sortiva e sociale, il senso del gruppo ed il volontariato.

Dai 16 anni in poi diventa bagnino, istruttore di nuoto e istruttore subacqueo.
Diplomato in Ragioneria nel 1998, inizia in quel periodo a giocare per scherzo con tre arance…..splendida emozione. Una soddisfazione che lo porta a spingersi oltre, a comprare attrezzi sempre più numerosi e professionali e a passare sempre più ore giocolose con i suoi amici “giocolieri” (tra i ricordi Gera, Pato, Mattew, Ghery…); si esibisce per la pima volta davanti ad un pubblico nella veste di giocoliere al carnevale di Pievepelago (Mo) nel lontano febbraio 1999….da lì in poi parliamo di amore per lo spettacolo e l’esibizione!

Presidente in carica dell’associazione ArterEgo e direttore sportivo di professione, nell’ambito circense si è formato inizialmente da autodidatta, leggendo libri e confrontandosi con le poche persone dell’ambito più esperte di lui in quel periodo (erano veramente in pochi gli artisti di strada allora); si ringrazia vivamente Kekko Lenzi per aver fondato il mitico negozio di giocoleria a Bologna (Jugglin’Gate – via Petroni) ed aver creato alcuni discepoli per portare avanti quest’arte più svariata e disparata.

Tanti i laboratori ed i corsi frequentati negli anni sucessivi, tra i più importanti il laboratorio di clown a Marzabotto con l’artista internazionale Jango Edwards, il laboratorio di ricerca del personaggio a Frosinone con l’artista internazionale Jean Mening, lo stage di giocoleria a Berlino con l’artista internazionale Viktor Kee (Cirque du Soleil), e molti altri.
Quello che ricerca Peter e una continua evoluzione del suo personaggio, il clown bianco che c’è in lui, la personalità artistica interiore, che non è soltanto giocoleria ed illusionismo, ma un personaggio di stile in un periodo contemporaneo.

Rispondi